Joomla Vorlagen by User Reviews FatCow

L’importanza delle linee guida

Categoria: Notizie Pubblicato: Martedì, 15 Novembre 2016 Scritto da Super User

Il Ddl Gelli che oggi va in aula al Senato è destinato a cambiare la responsabilità dei medici.


“Il medico che provoca un danno a un paziente per imperizia ma avrà rispettato le linee guida o le buone pratiche assistenziali, non sarà punibile penalmente per colpa.”
Passaggio chiave del Ddl Gelli che oggi va in aula al Senato e che è destinato a cambiare la responsabilità dei camici bianchi (Art. 6 “Responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario”).
La nuova norma tenta di alleggerire la responsabilità professionale e ridurre così la medicina difensiva.
La responsabilità civile del medico diventa “extracontrattuale”, cosa che obbliga la persona che ha subito un danno in ospedale a dimostrare la colpa di chi l’ha curata, quella della struttura sanitaria resta “contrattuale”, e quindi in questo caso spetta all’ospedale o alla Asl provare di non avere responsabilità. Si tratta di un modo per permettere al cittadino di rifarsi prima di tutto sul soggetto economicamente più solido, cioè la struttura pubblica.
La norma prevede anche l’obbligo di tentare una conciliazione stragiudiziale prima di finire davanti a un tribunale. In questo modo si cercano di abbreviare i tempi dei risarcimenti. In più, tra l’altro, si obbligano tutte le strutture sanitarie ad essere assicurate e permette al cittadino di fare un’azione diretta nei confronti della compagnia di assicurazione se non riesce ad ottenere il denaro dalla Asl.
Nel Ddl Gelli, tra l’altro, si stabilisce che la sicurezza delle cure è parte integrante del diritto alla salute e si promuove in tutte le strutture sanitarie la nascita di un centro per il rischio clinico, che valuti appunto gli errori dei professionisti e adotti politiche per prevenirli.

Visite: 1724

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione